Gli studenti internazionali potranno lavorare nei supermercati full-time per superare questo periodo di crisi legata al coronavirus

Gli studenti internazionali potranno lavorare nei supermercati full-time per superare questo periodo di crisi legata al coronavirus
“I principali supermercati australiani saranno temporaneamente in grado di offrire più ore di lavoro ai propri dipendenti, anche se in possesso di un  visto student (sub 500). Si potra’ in questo modo temporaneamente raggirare la limitazione delle 20 ore settimanali imposta sui visti studenteschi per aiutare a mantenere riforniti gli scaffali dei supermercati. 

In particolare la condizione 8105  impone ai titolari del visto student di  non lavorare in Australia per più di 40 ore ogni due settimane ‘fortnight’, quando il corso di studio o formazione è in sessione. Fortnight indica infatti il periodo di 14 giorni a partire da un lunedì.

Sarà interessante vedere se questa misura verra’ successivamente estesa anche ad altri settori, fino a quando la situazione e lo stato di emergenza causato dal coronivirus non cessera’.

Attualmente solo una parte degli studenti è autorizzata a lavorare per più di 40 ore  per fortnight. Tuttavia, un comunicato stampa recentemente pubblicato recita come segue:

Comunicato stampa congiunto con il parlamentare di Hon Dan Tehan – Altro aiuto per mantenere riforniti gli scaffali australiani

Il deputato di Hon Alan Tudge, attualmente in carica come Ministro per l’Immigrazione, la cittadinanza, i servizi per i migranti e gli affari multiculturali ha dichiarato che i principali supermercati australiani saranno temporaneamente in grado di offrire più ore ai propri dipendenti studenti internazionali per aiutare a mantenere gli scaffali riforniti.

Gli studenti internazionali attualmente impiegati nei principali supermercati saranno in grado di prolungare l’orario di lavoro per soddisfare l’elevata domanda di articoli essenziali a causa del coronavirus. Normalmente gli studenti internazionali sono soggetti a un massimo di 40 ore alla settimana durante il periodo scolastico.

Alan Tudge, ha affermato che i cambiamenti aiuteranno i supermercati a soddisfare l’immediata domanda elevata.

I supermercati di tutto il paese stanno lottando per mantenere gli scaffali pieni di oggetti essenziali, come carta igienica, fazzoletti, riso e pasta“, ha affermato Tudge.

Per tenere il passo con questa domanda, i supermercati ci hanno detto che devono assegnare ore extra allo staff  per immagazzinare scaffali e servire i clienti. Mentre molti di questi dipendenti saranno lavoratori australiani, anche gli studenti internazionali saranno in grado di aumentare le proprie ore ”, ha affermato Tudge.

Le misure saranno gestite dal Dipartimento degli Affari interni e saranno disponibili per i principali supermercati tra cui Woolworths e Coles, ma solo per i dipendenti gia’ esistenti nei loro ruoli gia’ assegnati. Altri supermercati possono registrarsi presso il Dipartimento se ritengono che le modifiche li aiuteranno a superare questo periodo di crisi.

Le modifiche sono disposte a breve termine e saranno riviste periodicamente per assicurarsi che funzionino e che siano ancora necessarie“, ha affermato Tudge.

Continueremo ad ascoltare le imprese man mano che la situazione del coronavirus evolve e potremmo prendere in considerazione l’espansione di queste misure per assistere anche altri settori che ne avranno bisogno. Prenderemo anche in considerazione la possibilità di fornire flessibilità con altri visti temporanei in caso di necessità “.

Il ministro dell’Istruzione Dan Tehan ha affermato che i cambiamenti aiuterebbero i supermercati a soddisfare la domanda immediata con la loro forza lavoro esistente e consentirebbero agli studenti internazionali di sostenersi negli studi.

Il nostro governo sta lavorando per ridurre al minimo l’impatto di COVID-19 nel settore dell’istruzione superiore, compreso l’impatto sugli studenti che si sostengono mentre studiano“, ha affermato Tehan.

Questa iniziativa offrirà agli studenti internazionali una maggiore flessibilità di lavoro durante lo studio e consentirà inoltre ai datori di lavoro di soddisfare la domanda durante un periodo intenso.”

I datori di lavoro dovranno comunque  rispettare tutte le leggi australiane sul posto di lavoro.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del Dipartimento degli Affari interni o sul Centro servizi globale al numero 131 881.

Per maggiori informazioni non esitate a contattare  Alessia Comandini 

Avvocato ed Agente d’immigrazione (MARN 1684766) su comandinimigration@gmail.com or 0499600707.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *