Coronavirus e Student visa

Coronavirus e Student visa
 

Dal 1 ° febbraio il governo federale ha vietato l’ingresso ai cittadini stranieri che arrivavano in Australia dalla Cina.

Il Department of Home Affairs annunciato le seguenti  restrizioni di viaggio –

Il governo australiano ha annunciato chedal 1 ° febbraio 2020 tutti i viaggiatori in arrivo da qualsiasi parte della Cina continentale, indipendentemente dalla nazionalità, saranno soggetti a misure di controllo delle frontiere rafforzate per garantire la salute, la sicurezza e il benessere della comunità australiana.

In particolare dal Unknown-1.jpeg1 ° febbraio l’Australia negherà l’ingresso a chiunque abbia lasciato o transitato la Cina continentale, ad eccezione di:

  • Cittadini australiani;
  • residenti permanenti;
  • familiari immediati di cittadini australiani e residenti permanenti, compresi coniugi, minori a carico e tutori legali

Esenzioni limitate esistono anche per le compagnie aeree e l’equipaggio marittimo, dove sono state utilizzate adeguate misure precauzionali.

A parte le eccezioni concordate, a partire dal 1 febbraio a tutti gli altri cittadini stranieri che si trovavano nella Cina continentale non sarà permesso di entrare in Australia fino a 14 giorni dopo aver lasciato o transitato la Cina continentale.

Queste misure di sicurezza pubblica rafforzate si applicheranno a coloro che cercano di entrare in Australia, nonché a coloro che cercano di transitare attraverso l’Australia in rotta verso un altro paese.

Queste misure sono temporanee e saranno riviste.

Più di 100.000 studenti cinesi non saranno in grado di iniziare le loro lezioni universitarie o presso il TAFE in Australia, a causa del divieto di viaggio messo in atto per frenare la diffusione del coronavirus.

Le autorità affermano che il 56% degli studenti cinesi australiani è “offshore” in questo momento.

Il governo federale non ha escluso il rimborso delle tariffe universitarie gia’ pagate dagli studenti internazionali.

La Cina ha suggerito che il divieto di viaggio in Australia è una reazione eccessiva.

Del resto e’ ben risaputo che il settore dell’Istruzione e’ il terzo piu’ prolifico in Australia e di certo le Universita’ non vogliono perdere questa golosa fetta di guadagni!

Sabato scorso, il governo federale ha vietato a chiunque arrivasse o transitasse dalla Cina continentale di venire in Australia.

Con la maggior parte delle lezioni universitarie che inizierà la prossima settimana, il divieto ha gettato nel caos il settore dell’istruzione superiore australiana.

Ci sono 189.000 studenti cinesi in tutto il nostro settore dell’istruzione terziaria“, ha dichiarato il ministro dell’istruzione Dan Tehan.

Questa decisione ha lasciato circa 98.000 cinesi in possesso di un regolare visto per studiare in Australia bloccati e le università si sono affrettate a rispondere sui loro websites.

Alcuni campus, tra cui la Sydney University, consentiranno agli studenti colpiti dal

divieto di viaggiare, di frequentare i corsi molto più tardi rispetto alla data di inizio del semestre. 

La più grande università, Monash University, ha ritardato l’inizio del primo semestre e tutti gli studenti potranno iniziare gli studi online per la prima settimana.

Anche molti College di istruzione terziaria hanno preso provvedimenti, ritardando l’inizio dei corsi.

Per il momento la maggior parte delle scuole continua il normale svolgimento delle proprie lezioni.

Per maggiori info contattatemi su comandinimigration@gmail.com or 0499600707, Alessia Comandini Avvocato e Agente d’immigrazione ( MARN 1684766)

https://www.abc.net.au/news/2020-02-04/coronavirus-scare-sees-chinese-students-miss-uniniversity/11929948

https://immi.homeaffairs.gov.au/news-media/archive/article?itemId=355

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *